Chi ha paura dell’acqua?

Total
0
Shares

Immergersi leggermente in acque poco profonde – e torna alla riva? Forse dietro questa indifferenza al mare ci sono paure più o meno consapevoli … avendo capito che puoi immergersi volentieri in un’onda blu!

Ogni estate, io e i miei amici andiamo al mare “, dice la speranza di 43 anni. “Ma da tutta la nostra compagnia faccio davvero il bagno solo a me: nuoto in ottone, immergendoti con una maschera, a volte faccio gli esercizi che ho imparato nelle classi di Aquaerobics”. Il marito delle speranze nei suoi giovani ha partecipato alle nuotate degli atleti amatoriali, ma ora dice che “non è più interessato”. Il Sester ha ricevuto una lesione psicologica all’età di 11 anni, quando l’allenatore l’ha spinta in piscina con le parole: “Le persone disabili sono in grado di nuotare!”Si sente ancora a disagio in acqua. E il migliore amico della speranza, il mare sembra sempre troppo freddo ..

Molti vacanzieri sono sistemati sul bordo stesso del surf, spruzzano sulla costa per rinfrescarsi o si occupano dei bambini, in piedi alla caviglia in acqua. “Tutte queste sono strategie mascherate per evitare”, afferma Catherine Buke-Proto Catherine Water (Catherine Bouquet-Proteau). “Una persona potrebbe non sospettare che sperimenta la paura, ma il suo corpo si tende ogni volta che l’onda lo spinge con spray.”. Sentiamo tutti il ​​pericolo nella potente e incontrollata massa d’acqua: tsunami, naufraghi, mostri marini – tutte queste formidabili immagini sono conservate dal nostro inconscio collettivo, costringendoci a sentirci deboli e indifesi. Ambito oceanico illimitato e profondità in qualche modo risvegliano tali www.cialisinitalia.com/ sentimenti anche tra gli atleti professionisti, l’area dell’acqua è sicura.

Pertanto, il piacere di fare il bagno sempre adiacente alla paura sottostante: in senso simbolico, il nuoto ci ricorda di nuotare sull’abisso – tra essere e non esistenza. “Chiamiamo Water the Cradle of Life”, pensa il terapista psicoanalitico Anatoly Borsuchenko-Dolgopolov. – I primi organismi viventi sulla terra hanno avuto origine nell’oceano. Per ogni persona, la prima culla, questo tipo di oceano che dà vita, era la bacchetta della madre: come sapete, trascorre mesi prima della sua nascita nei fluidi amniotici che lo proteggono. La sua vita dipende dallo stato fisico e mentale della madre, da come prende la gravidanza – gioiosamente o con disappunto. I sentimenti che la madre prova rimangono nella memoria del nostro corpo e si fa sentire con i contatti con l’acqua. Successivamente, qualcuno salta a terra dopo un paio di minuti, sentendosi a proprio agio. E qualcuno nuota spensierato, risvegliando le emozioni che una madre felice ha dato al bambino durante la gravidanza.

Tuttavia, un’esperienza assolutamente senza nuvole di gravidanza può avere le sue sfumature. “Alcune donne inconsciamente non vogliono separarsi dal loro frutto”, afferma Anatoly Borsuchenko-Dolgopolov. – Se la madre è infinitamente contenta della gravidanza e non vuole nient’altro, questa sensazione può dedicarsi a suo figlio. In futuro, una persona cercherà di non entrare in acqua ancora una volta che gli serve con una protezione da un desiderio forte e insoddisfatto di essere nello stomaco di sua madre, dove una volta era così felice “.

Tali persone percepiscono l’immersione nel mare (“all’interno della madre”) come una morte simbolica, Catherine Buke-Proto concorda. E aggiunge: “Coloro che si rifiutano di immergere la testa in acqua, o quelli che hanno un pensiero di toccare le alghe causano disgusto, sopprime le fantasie sulla loro origine. Cosa può essere nel seno madre? Forse altri bambini? Come entrano, come escono da lì? Un bambino spaventato continua a vivere nell’anima di tali adulti, che hanno dimenticato “.

Il contributo alla nostra indecisione può rendere il primo contatto senza successo con l’acqua. Ad esempio, se una madre faceva il bagno a un bambino solo per un senso del dovere, e non per godersi con lui. “Alcune madri con l’aiuto del nuoto stanno inconsciamente cercando di compensare ciò che, a loro avviso, non hanno dato al bambino”, ha detto Anatoly Borsuchenko-Dolgopolov. – Ad esempio, vogliono “lavare via” la loro colpa per la riluttanza ad avere un figlio o per la “peccaminosità” della sua nascita “.

L’atteggiamento nei confronti dell’acqua può cambiare in una successiva età. Uno dei genitori aveva paura dell’acqua e delle sue paure (“Non nuotare, annegherai!”) Rimase con noi, anche quando siamo cresciuti. Forse non abbiamo avuto abbastanza esperienza nel comunicare con il mare – e semplicemente non sappiamo cosa aspettarci da lui. Forse ci sono stati alcuni eventi traumatici: un allenatore di nuoto maleducato, un incidente con acqua bollente, una doccia fredda in punizione.

Per divertirsi a nuotare significa accettare il suo passato e crescere, Katrin Buke-Proto è sicuro: “A chi piace nuotare non cercano di tornare al seno della madre. Al contrario, si divertono, studiando un altro mondo – e questa è una delle attività infantili più piacevoli “. Il ritmo della carrozza ci pacifica, risveglia la sensualità e dà una gioia così bella da condividere con i propri cari. Come sentirsi felici nell’acqua e iniziare a nuotare di piacere? “Per prima cosa ascolta i tuoi sentimenti”, consiglia l’acqua. – questo contribuirà a determinare meglio ciò di cui hai effettivamente paura. E dopo con l’aiuto di semplici tecniche di gioco, prova a vedere gli aspetti positivi del nuoto. Non insistere sul fatto che non funziona: inizia con quello che ti piace “. La vacanza estiva può essere un ottimo trampolino per il nostro salto in acqua. Decideremo di immergerti?

Perché il paesaggio del mare ci rassicura?

La vista del mare calmo si rilassa e affascina e l’autostrada impegnata, al contrario, provoca stress. Come spiegarlo? Un gruppo di neurobiologi della Germania e della Gran Bretagna, guidato da Michael Hunter), ha confrontato l’attività del cervello dei volontari che hanno visto il mare calmo e la strada vietata dalle auto*. In entrambi i casi, il suono di sfondo era un ronzio smorzato: il rumore del surf e delle auto sull’autostrada è simile e quindi non influisce sul livello di stress. La scansione ha mostrato che il tipo di strada riempito con macchine viola le connessioni tra le diverse aree del cervello e il paesaggio del mare, al contrario, sincronizza la loro attività. Si scopre che il mare colpisce il nostro cervello come la meditazione!

* M. Hunter et al. “Lo stato della tranquilità: la percezione soggettiva è forma mediante la modulazione contestuale della connettività uditiva”, NeuroImage, 2010, Volume, Vol. 53 (2).

Come immergersi nel piacere

Impara la respirazione “acqua”

Non tutti amano abbassare il viso nell’acqua: è spiacevole per loro quando l’acqua entra nel naso o nelle orecchie. “Paure simili ci riportano al momento della nascita”, crede Katrin Buke-Proto. – Ad esempio, se il cordone ombelicale è avvolto intorno al collo, il bagno può ricordare questa sensazione di soffocamento “. Risolvere il problema: padroneggiare la respirazione subacquea.

Come farlo? Fermati sulla riva: inspira attraverso la bocca ed espira attraverso il naso. Quindi vai a una piccola profondità e pratica il “respiro dell’ippopotamo”: abbassa la bocca nell’acqua ed espira, rendendo il suono “u-u-u”. Dopo immergere e naso, espirando attraverso di esso (la bocca è chiusa in questo momento). Il passo successivo: metti gli occhiali da nuoto ed espira attraverso il naso, dirigendo gli occhi nella colonna d’acqua.

Decidere di lasciare la terra

L’idea che la corrente possa trascinarsi in profondità o trasportare in una direzione sconosciuta incoraggia tutto a fare tutto per “stare in piedi sulla terra”. “Lasciare il firmamento”, sottolinea Catherine Buke-Proto, “significa abbandonare l’importante risultato: la capacità di camminare, il primo vero passo verso l’indipendenza che il bambino esegue”. È più facile imparare a nuotare se si assume la possibilità di una mancanza di supporto e ti rendi conto che siamo in grado di muoverci in posizione orizzontale.

Come farlo? Vai a una profondità di circa 20 centimetri, metti i palmi sul fondo e, appoggiandosi sulle mani, allungati nella posizione bugiardo. Alza una mano, quindi il secondo. Rimani in superficie! Un’altra opzione: aggrapparsi alla sporgenza di una scogliera o per la persona di cui ti fidi, prendi i ciottoli dal basso. Senti come l’acqua stessa spinge il tuo corpo su! Per riconciliarsi con il fatto che non sentiamo il fondo, il gioco aiuta: salti (“Baba Sowed Peas …”), pallavolo d’acqua, ballare in acqua rafforza la nostra fiducia, abitando il corpo a bilanciare, quindi perdere, quindi ripristinare bilancia.

Relativi al nuoto è più facile

Alcune persone perdono fiducia nelle loro capacità, temendo di sfruttare la forza. “Per rimanere in superficie, i nuotatori inesperti fanno troppo sforzo”, osserva l’acquarapista. Per nuotare reggiseni abbastanza senza fretta (e persino “acqua”). Uscita: rilassati.

Come farlo? Trasforma il nuoto nel gioco. Nuota tra due punti, scivolando lentamente sull’acqua e contando le onde delle mani. Con ogni nuovo “volo”, ridurre il numero di onde. O concentrati su come muovi i piedi e respiri, tenendo in mano uno strumento ausiliario. Ad esempio, la tavola può essere posizionata sotto la schiena e praticare nella “posa di sopravvivenza”: faccia a faccia in su, lavorando con i piedi e rastrellando con le mani.

Tocca il nuovo

Da un pensiero di gelatine o alghe, alcuni di noi tremano. “La paura della vulnerabilità del corpo mezzo nudo viene aggiunta la paura di diventare la preda di un predatore marino”, afferma Katrin Buke-Proto. – E a volte un’immagine inconscia: secondo l’ipotesi dello psicoanalista di Sandor Ferenczi, nello stomaco della madre, il bambino ricorda le sue remote radici oceaniche “. In questo caso, per contattare i tuoi “antenati”, i pesci, significano simbolicamente un doppio passo indietro, sia nel senso di crescere, sia nel senso di evoluzione umana. La conoscenza di un mondo sottomarino silenzioso aiuta a superare la paura.

Come farlo? Ascoltando i tuoi sentimenti. Versare occhiali o maschera da nuoto e ammirare la luce, le vernici delle profondità dell’acqua. Ascolta i suoni, alza la testa e inspira l’aria iodizzata curativa. E poi toccare la scogliera scivolosa coperta di alghe. E assicurati che sia completamente sicuro!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You May Also Like